Requisiti per l’iscrizione al Repertorio

  1. L’iscrizione al Repertorio è libera e qualunque impresa può chiederne l’iscrizione. Se non è associata a CONFIMPRESA FEIMA deve averne almeno i requisiti.
  2. L’impresa di manutenzione deve impiegare almeno una persona competente che possieda un livello di competenza non inferiore al livello 2 del Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF 2).
  3. Per le operazioni da eseguire in loco l’impresa di manutenzione deve possedere tutti gli attrezzi, le strumentazioni, i manuali e la documentazione di qualsiasi procedura di manutenzione raccomandata dal produttore del presidio antincendio e specificata dalle norme tecniche di riferimento.
  4. Per le operazioni che richiedono mezzi, attrezzature e strumentazioni specializzate l’impresa di manutenzione deve operare in una struttura che abbia tali mezzi, attrezzature e strumentazioni specializzate e i requisiti previsti dall’allegato IV del D. lgs, 81/2008 e le relative autorizzazioni. Nel caso in cui non possieda tale struttura, l’impresa di manutenzione deve avere un contratto con una struttura esistente in possesso dei requisiti di legge e mezzi, attrezzature e strumentazioni specializzate necessarie.
  5. L’impresa di manutenzione deve avere una gestione dei rifiuti secondo quanto previsto dalla legislazione italiana vigente, D.lgs 152/2006, e che sia verificabile dalla presentazione del MUD.
  6. L’impresa di manutenzione deve espressamente sottoscrivere tramite il suo legale rappresentante il CODICE DI CONDOTTA contenente principi e regole che orientano l’esercizio dell’attività e ad esso si deve conformare.
  7. Ogni persona competente impiegata dall’impresa di manutenzione deve avere almeno 3 mesi di esperienza sul campo ed avere partecipato a corsi teorici della durata complessiva non inferiore a 32 ore, organizzati da un produttore di presidi antincendio o da una associazione di categoria del settore antincendio. I corsi devono essere tenuti seguendo, ove possibile, le indicazioni delle norme tecniche di riferimento (UNI 9994-2, UNI 11473-3, UNI 9494-3). Al termine di ogni corso la persona competente deve superare con successo un esame sotto la supervisione di un esaminatore indipendente. L’attestato di superamento del corso deve indicare il presidio antincendio per il quale è stato tenuto: estintori portatili, porte tagliafuoco e di sicurezza, sistemi di evacuazione di fumo e calore, manichette.
  8. Ogni persona competente deve assolvere l’obbligo di formazione continua con la partecipazione a corsi di aggiornamento organizzati da aziende produttrici di presidi antincendio o da associazioni di categoria del settore antincendio con cadenza triennale per almeno 8 ore anche in modalità e-learning

Strumento per l’accertamento dei requisiti richiesti per l’iscrizione al Repertorio dei Manutentori Antincendio Professionisti: autocertificazione secondo le disposizioni del Decreto del presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445 con allegata documentazione probante. Modulo di iscrizione al Repertorio dei Manutentori Antincendio Professionisti firmato dal legale rappresentante con copia del documento d’identità e della visura camerale.

Struttura tecnico-scientifica per la formazione continua degli iscritti: Comitato Tecnico-Scientifico

Soggetto od organismo incaricato del controllo della applicazione del codice di condotta: Organo di Vigilanza